Tue, Jan 28 | Luogo da definire

Lezioni sull'Empatia - Roma Edition (1)

Lezioni sull'Empatia | Roma Edition Roma - Sabato 18 gennaio - 10-16 Aperto a tutte le Professioni. 4,2 ECM per tutte le Professioni Evento in Partnership IPA & Spazioiris
La registrazione è stata chiusa
Lezioni sull'Empatia - Roma Edition (1)

Orario & Sede

Jan 28, 2020, 10:00 AM – 2:00 PM
Luogo da definire

L'evento

ROMA - SABATO 18 GENNAIO ORE 10-17 

Arriva a Roma il format Lezioni sull'empatia, alla sua seconda edizione dopo la prima data a Torino.

Questa edizione, vede due relatori d'eccezione, Luigi Cancrini e Giacomo Rizzolatti, con due lezioni magistrali sull'empatia.

Il format Lezioni sull'empatia, si caratterizza per la forte interattività fra relatori e partecipanti.

Ad una lezione magistrale da parte del reltorie di circa 1 ora, segue quindi una lunga sessione di circa 1,5 h di interazione con domand e risposte.

Pensiamo infatti che il sapere, la conoscenza, l'approfondimento, debba necessariamente avvenire dentro una relazione. Il format Lezioni sull'empatia mette quindi al centro un tema cardine per molte discipline scientifiche, dalla psicologia alle neuroscienze, dalla sociologia all'arte, e lo fa all'interno di un contesto interattivo fra relatore e partecipante. 

Aperto a tutte le Professioni.

4,2 ECM

Evento in Partnership IPA & Spazioiris

LEZIONI SULL'EMPATIA

Ore 10.00 | LEZIONE 1 | Giacomo RIZZOLATTI | Le Basi Neuronali dell'Empatia

Giacomo Rizzolatti è considerato il massimo neuroscienziato italiano. Occhi neri penetranti e ironici, capelli bianchi arruffati, baffi spioventi, la somiglianza con Einstein suggerisce al primo sguardo che ci troviamo davanti a un genio. E infatti i neuroni specchio, che ha scoperto nel 1992, sono studiati in tutto il mondo, e considerati alla base dell’empatia, dell’apprendimento, della socialità. Tanto che si profetizza per lui un premio Nobel.

Nasce a Kiev, facente parte dell'allora Unione Sovietica.

Ben presto viene rimpatriato assieme alla famiglia, a causa delle persecuzioni staliniste nei confronti degli ebrei.

Nel 1961 consegue la laurea in Medicina presso l'Università degli Studi di Padova e, nel 1964, ottiene la specializzazione in Neurologia.

Nel 1967 diventa prima assistente e poi professore ordinario di Fisiologia Umana all'Università degli Studi di Parma.

Dal 2002 è il direttore del Dipartimento di Neuroscienze della stessa università. Dal 2012 insegna Basi neurofisiologiche delle funzioni cognitive presso la Facoltà di Filosofia dell'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano.

È stato Visiting Professor presso il Dipartimento di Anatomia dell'Università di Pennsylvania, e ha trascorso un anno presso il Dipartimento di Psicologia della Università McMaster.

Dal 1985 al 1986 è presidente della European Brain Behavior Society.

Coordina il gruppo di scienziati che nel 1992 ha scoperto l'esistenza dei neuroni specchio (o neuroni mirror). È una scoperta importantissima, che per la prima volta pone una base fisiologica all'empatia.

È membro dell'Academia Europæa, dell'Accademia Nazionale dei Lincei, dell'American Academy of Arts and Sciences e dell'Académie des sciences dell'Institut de France. È membro onorario della Società Italiana di Neuroscienze di cui è stato presidente.

Presso Cortina editore ha pubblicato, assieme a Corrado Sinigaglia, So quel che fai. Il cervello che agisce e i neuroni specchio; presso Rizzoli In te mi specchio. Per una scienza dell'empatia con Antonio Gnoli.

Ore 14.30 | LEZIONE 2 | Luigi CANCRINI | La Cura delle Infanzie Infelici

Luigi Cancrini, psichiatra e psicoterapeuta di formazione psicoanalitica e sistemica, ha fondato negli anni Settanta una fra le più importanti scuole di psicoterapia del nostro paese: il Centro Studi di Terapia Familiare e Relazionale del quale è presidente.

La sua attività si è sviluppata inizialmente nel clima delle battaglie culturali contro l’emarginazione del diverso nelle scuole (le classi differenziali e speciali) nella psichiatria (gli ospedali psichiatrici), nel campo delle dipendenze patologiche e dei comportamenti antisociali (il carcere). Di queste condizioni egli ha continuato ad occuparsi collegando le manifestazioni della diversità al disagio della persona e tentando soprattutto di allargare i confini tradizionali della pratica psicoterapeutica: sul piano culturale contrastando una corsa pericolosa alla psichiatrizzazione farmaceutica e/o drogata del disagio; sul piano legislativo affermando il diritto di tutti alle cure psicoterapeutiche.

E’ stato Assistente straordinario e poi ordinario di Clinica Psichiatrica presso l’Istituto di Psichiatria dell’Università “La Sapienza” di Roma dall’aprile 1971 al giugno 1983, Professore incaricato di Psicologia Clinica e di Psichiatria presso il Corso di Laurea in Psicologia, Facoltà di Magistero dall’anno accademico 1974/75 al 1982/83, Professore associato di Clinica Psichiatrica e titolare dell’insegnamento di Clinica Psichiatrica e di Psicoterapia per gli studenti del Corso di Laurea in Medicina III Canale della stessa Università dal giugno 1983 al dicembre 1995 e Docente di Psicoterapia nella Scuola di Specializzazione in Psichiatria Università “La Sapienza” di Roma dal momento della sua istituzione (anno accademico 1969/70) al dicembre 1995.

Dal 1995 al 2014 è stato direttore scientifico delle Comunità Terapeutiche di Saman, dal 1998 è direttore scientifico del Centro di Aiuto al Bambino Maltrattato e alla Famiglia e dal 2009 delle Comunità per minori Domus de Luna in Sardegna.

E’ autore di lavori scientifici fra i quali Bambini diversi a scuola (1974), Quei temerari sulle macchine volanti (1982), Date parole al dolore con Stefania Rossini (1996), Lezioni di psicopatologia (1997), La luna nel pozzo (1999), La psicoterapia: grammatica e sintassi (2002), Il vaso di Pandora con C. La Rosa (2002), e Schiavo delle mie brame (2003), L’oceano borderline. Racconti di viaggio (2006), La Cura delle Infanzie Infelici (2013). E’ inoltre Direttore Responsabile della rivista scientifica Ecologia della Mente e dal 2013 dirige la collana (Bi)sogno di Psicoterapia della Alpes Italia.

Fin dai primi anni ’70 inoltre scrive sul quotidiano l’Unità per il quale dal 2002 all’ottobre 2008 ha curato anche la rubrica settimanale sui “Diritti negati” e dal 2009 al 2014 la rubrica quotidiana “Cara Unita” dedicata alla posta dei lettori.

La registrazione è stata chiusa

Condividi questo evento